Assicurazione per cane e gatto

 

Cane sordo: come capire se il cane è sordo

16 Febbraio 2021by Mefteh0
https://www.assuropoil.it/wp-content/uploads/cane-sordo-come-capire-se-il-cane-e-sordo.jpg

 

Cane sordo

Come capire se il cane è sordo e come addestrare un cane sordo?

 

Potrebbe capitare di adottare un cucciolo che pensiamo sia completamente sano per poi scoprire qualche settimana dopo che è affetto da un problema uditivo. In questo caso, come addestrare il proprio cane quando la maggior parte degli ordini ed esercizi richiedono l’utilizzo di suoni o parole come “seduto” o “a cuccia”? Da qualche anno, l’addestramento dei cani sordi è diventato un argomento largamente trattato e sono stati messi a punto dei metodi semplici ed efficaci. Le opportunità di adozione di cani sordi sono sempre maggiori e non ci sono ragioni valide per mandarlo in un canile.

 

La sordità nel cane

Come per gli esseri umani, alcuni cuccioli di cani nascono semplicemente sordi ed è per questo che si parla di sordità congenita. In altri cani, la sordità potrebbe avere altre cause, ad esempio un’infezione cronica o ferite legate a farmaci tossici o all’età avanzata.

Vi sono un centinaio di razze canine inclini a sviluppare sordità congenita. I dalmata, ad esempio, hanno un fattore rischio elevato, circa il 30% dei cuccioli sono affetti da sordità parziale o totale. Le altre razze interessate sono il Setter inglese, il bovaro australiano, il cane leopardo della Catahoula, il Levriero Whippert e il Parson Russel terrier. Gli studiosi non conoscono esattamente le ragioni per cui alcuni cani sono soggetti a sordità, ma sembra evidente che il problema della sordità riguarda soprattutto i cani con la testa bianca o parzialmente bianca. Secondo alcuni studiosi americani, l’assenza di pigmenti a livello della testa sarebbe all’origine del mancato sviluppo delle cellule pigmentate situate nell’orecchio che potrebbero essere addirittura inesistenti. L’assenza di cellule pigmentate provocherebbe anche la morte delle cellule nervose indispensabili per lo sviluppo dell’udito. Tuttavia, cani bianchi come lo Spitz e il Samoiedo non hanno sviluppato questa anomalia, il mistero quindi, resta ancora irrisolto.

 

Come capire se il cane è sordo?

Se sospettate che il vostro cane sia sordo, basterà effettuare un semplice test. Aspettate che il vostro cane si addormenti o che non vi guardi e fate un rumore molto forte dietro di lui. Attenzione però, il cane non dovrà essere in grado di vedervi o percepire le vibrazioni del movimento ( quindi non potrete sbattere il piede sul suolo). Provate con diversi suoni: utilizzate un fischietto, sbattete forte le mani o producete un suono come la batteria. Questi suoni diversi l’uno dall’altro permettono di capire anche il livello di sordità. Se notate che il cane vi ignora o non corre verso di voi quando mettete i croccantini nella sua ciotola, allora fate le prove con i diversi suoni, come spiegato prima, per capire se le sue capacità uditive sono compromesse. Se il cane non dovesse reagire a questi suoni, rivolgetevi al veterinario per una diagnosi precisa.

 

Addestrare un cane sordo

Se qualche anno fa addestrare un cane sordo sembrava una missione impossibile, oggi l’addestramento di un animale sordo non presenta più  difficoltà grazie al contributo di molti educatori cinofili che hanno messo a punto le tecniche giuste. La differenza principale rispetto ad un addestramento normale, sta nel fatto che non si può ricorrere a stimoli di tipo uditivo per motivi evidenti.  Questi suoni andranno sostituiti con i gesti e segni delle mani. Dovrete associare un movimento di mano chiaro e distinto ad ogni ordine. Poco importa il movimento, l’importante è che corrisponda sempre allo stesso comando. Vi è anche una leggenda urbana che vuole che il cane sordo sia anche più aggressivo, in realtà qualsiasi cane, non stimolato nel modo giusto, rischia di mordervi. Il risveglio potrebbe essere difficile per un cane sordo, a questo proposito potreste abituarlo sin da piccolo realizzando degli esercizi molto semplici: svegliatelo con un croccantino nelle mani e ripetete il gesto ogni volta nel corso dei primi mesi, così facendo assocerà il risveglio a qualcosa di positivo. Potreste anche svegliarlo sbattendo i piedi sul suolo o dando un colpetto al letto sul quale dorme, le vibrazioni lo sveglieranno dolcemente. A parte questi semplici trucchi, non dovrete fare nient’altro per adattare la vostra casa al vostro cane.


 

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Assicurazione per animali domestici

× VOGLIO ASSICURARLO ×