Perchè i gatti hanno paura dell’acqua ?

Perchè i gatti hanno paura dell'acqua ?

Perché i gatti hanno paura dell’acqua?

Il mio gatto ha paura dell’acqua, cosa devo fare ? 


La maggior parte dei gatti detesta l’acqua, anche se il riflesso può talvolta affascinarli. Il linguaggio del corpo del gatto alla vista dell’acqua, ci dice sino a che punto hanno paura del semplice contatto: peli dritti, ringhio, miagolio strillante, occhi spalancati, sono segni di una crisi di panico del gatto alla vista dell’acqua. Ma qual è dunque il problema? Perché il gatto ha paura dell’acqua? Cerchiamo di vederci più chiaro.

Perché i gatti hanno paura dell’acqua? Le ragioni che spiegano perché il vostro gatto ha paura dell’acqua

La paura dell’acqua nel gatto risale alle sue origini. La maggior parte delle razze feline proviene dal Medio Oriente: abituati ad un ambiente naturale desertico, questi animali non hanno mai osato sfruttare o esplorare l’acqua a proprio vantaggio, sebbene siano degli eccellenti nuotatori. Con il passare del tempo, si sono ritrovati nelle zone forestali: è a partire da questo momento che sono entrati in contatto, per la prima volta, con l’acqua ghiacciata. A causa di questa esperienza traumatizzante, i gatti del deserto sono sempre stati diffidenti nei confronti dell’acqua. Peraltro, se guardiamo il leone o il ghepardo che vivono nella Savana, le loro condizioni di vita li hanno spinti a diffidare sistematicamente dell’acqua, ciò spiega la loro esitazione nell’attraversare le riviere. Mentre il giaguaro e la tigre hanno una reazione diametralmente opposta, amano infatti la pesca ed i tuffi! Pertanto, questa avversione nei confronti dell’acqua non è generale, ci sono  gatti che amano giocare con l’acqua del rubinetto o farsi un bagnetto veloce.

Le mosse utili per aiutare il gatto ad amare l’acquaPerchè i gatti hanno paura dell’acqua? Comportamenti dei gatti, gatti comportamento

Se avete un gattino, abituatelo subito al contatto con l’acqua. Difatti, essendo ancora giovani, i nostri compagni a quattro zampe sono più coraggiosi e avventurieri. Così, se avete un gattino, è il momento giusto per abituarlo ad un bagnetto. Per non traumatizzarlo, incominciate con dolcezza, giocate bagnandolo con l’acqua tiepida. Se lo vedete calmo, potrete ripetere l’operazione senza costringerlo. Fatelo in un luogo tranquillo, l’acqua deve essere ad una temperatura piacevole su una superficie non scivolosa per evitare instabilità ed incertezza. Per ragioni di sicurezza, esercitatevi utilizzando un recipiente. Se il vostro felino è idrofobo, sappiate che pian piano e con esercizi frequenti potrebbe cambiare atteggiamento e accettare il bagnetto, ma se il vostro gatto detesta l’acqua sino ad indurlo in uno stato di perdita di coscienza temporanea, non insistete.

Perché i gatti hanno paura dell’acqua? Quali sono le razze di gatti che amano il contatto con l’acqua?

Alcune razze feline adorano il contatto con l’acqua. Per esempio, il Turkish Vaglio è conosciuto per le sue qualità di nuotatore, si è aggiudicato persino il soprannome di gatto nuotatore in quanto, non solo adora l’acqua, ma al suo contatto si sente bene. Nella maggior parte dei casi, i proprietari di questa razza saranno sorpresi nel trovarlo mentre nuota nella loro piscina o  nel loro  bagno! L’Abissino , il siberiano e il Maine Coon o ancora il Bengala sono razze “forestali”, e amano il contatto con l’acqua.

Infine, se gatto e acqua sono spesso incompatibili, per alcuni gatti farsi un bel bagnetto è un vero e proprio diletto. La repulsione e la diffidenza nei confronti dell’acqua sono dovute soprattutto ai loro antenati perché influenzati dal loro ambiente naturale in parte privo di fiumi o di laghi. Per abituare il vostro gatto all’acqua, dotatevi  di pazienza e dolcezza, ma tenendo sempre conto del loro carattere.

Assicurazione gatto : fai un preventivo

[Voti: 0   Media: 0/5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *