Assicurazione per cane e gatto

 

Assicurazioni cani pericolosi

15 Dicembre 2021by Linda0
https://www.assuropoil.it/wp-content/uploads/assicurazioni-cani-pericolosi.jpg

 

Assicurazioni cani pericolosi

Possono essere assicurati?

 



 

Quello sulle razze di cane “pericolose” è un dibattito ancora aperto sebbene l’ordinanza Martini abbia abrogato la precedente “lista nera” delle razze e relativi incroci; la stessa ordinanza affida ai medici veterinari il compito di segnalare all’ASL di competenza, la pericolosità di determinati animali per la salute e sicurezza pubblica.

Prima dell’abrogazione della lista, si imponeva ai proprietari di cani appartenenti alle razze interessate di seguire un apposito corso per ottenere un patentino di l’idoneità oltre all’obbligo di stipulare un’assicurazione della responsabilità civile per danni cagionati dall’animale

Nonostante, come anticipato prima, “la lista nera delle razze pericolose” introdotta nel 2007 sia stata superata, alcune compagnie assicurative tendono ancora ad escludere dalla copertura le razze comunemente (e spesso erroneamente) considerate pericolose.

 

Quando un cane è considerato pericoloso?

Un cane può essere definito potenzialmente pericoloso quando ha le capacità fisiche (altezza, peso, forza, velocità, potenza della mascella) e un potenziale di aggressività che può rappresentare un pericolo per chi lo circonda e il cui potenziale attacco rischia di danneggiare in modo significativo la salute e l’integrità fisica della persona o dell’animale sottoposto.

L’abolizione della lista di razze canine considerate pericolose non esclude del tutto gli obblighi che possono gravare sui proprietari di cani che, tenuto conto della loro condotta, possano essere ritenuti pericolosi.

La legge quindi, prevede ancora alcuni obblighi nel caso di cani aggressivi, ma la pericolosità di questi ultimi non è più presunta dalla legge, ma deve essere concretamente dimostrata, infatti, in caso di visibile aggressività i proprietari potrebbero essere tenuti a seguire dei corsi di formazione per cani.                                 

A seguito dell’abolizione della lista di cani pericolosi, la legge ha demandato ai medici veterinari il compito di individuare i casi in cui un cane manifesti sintomi di aggressività e di informare i proprietari di cani in merito alla possibilità di percorsi formativi. Dovrà inoltre segnalare ai servizi veterinari dell’Azienda sanitaria di competenza la presenza di cani che richiedono una valutazione comportamentale.

A seguito di episodi di morsicatura, di aggressione, i servizi veterinari decidono in virtù della tutela dell’incolumità pubblica, quali proprietari di cani hanno l’obbligo di svolgere i percorsi formativi. Oggi non esistono più razze canine che sono pericolose a priori.

 

Ma quale assicurazione di responsabilità civile scegliere per un cane pericoloso?

Un’assicurazione di responsabilità civile potrebbe essere utile per coprire eventuali danni a cose o persone causati dal cane, anche a prescindere della razza.

Le quote per beneficiare delle garanzie variano a seconda degli assicuratori e delle loro offerte. Tuttavia, un contratto di responsabilità civile copre in generale:

  • Lesioni fisiche all’integrità fisica di terzi.
  • Danni materiali quindi a cose (proprietà o animale).

Non sottoscrivere un’assicurazione espone il proprietario a gravi conseguenze finanziarie in caso di danni provocati dal cane.

 

 …e quale assicurazione sanitaria?

 

Le coperture assicurative fondamentali sono quelle di responsabilità civile e per le spese veterinarie

A proposito della prima, consigliamo di fare particolare attenzione al massimale che deve essere di almeno 300.000€, occhio ovviamente anche alla presenza di franchigie o scoperti.

Per quanto riguarda le spese veterinarie, potresti optare per una protezione più completa; i cani di razza, come i cani incrociati, possono essere più inclini a problemi di salute, ecco perché sottoscrivere anche un’assicurazione veterinaria ti permetterà di beneficiare di rimborsi per le spese veterinarie inerenti alla sua salute, tra le spese oggetto di rimborso troviamo:

  • Spese ospedaliere.
  • Costi chirurgici.
  • Cure mediche.
  • Consultazioni veterinarie.
  • Costi radiologici.
  • Cure preventive (vaccini, sterilizzazione, ecc.).
  • Analisi di laboratorio.

Una copertura adeguata ti permetterà di avere le sue spese sanitarie rimborsate e garantirà al tuo cane le migliori cure in caso di incidente o malattia, per trovare quello che fa per te, confronta le varie formule Assur O’Poil!

 

Qual è il costo dell’assicurazione per cani?

 

Il più delle volte, gli assicuratori offrono 3 tipi di formule contenenti diversi livelli di copertura assicurativa. Naturalmente, più sono le garanzie, maggiore sarà la quota mensile:

  • La formula di base: formula economica con supporto minimo, il cui tasso di rimborso è solitamente del 50% e il limite di rimborso annuale raramente supera i 1.000 euro ( Assur O’Poil rappresenta un’eccezione)
  • La formula intermedia: con un quota ragionevole e una copertura superiore rispetto alla formula di base. Il tasso di rimborso può raggiungere il 65-80% e il massimale di rimborso annuale può variare da € 1.500 a € 1.800.
  • La formula di fascia alta: copertura più ampia con un tasso di rimborso dal 90 al 100%, con un tetto di rimborso annuo di circa 2.500 euro, nonché la copertura degli atti preventivi (non sempre coperti nelle formule precedenti).

 

Consigli per la sottoscrizione di un’assicurazione

Prima di sottoscrivere un’assicurazione per il tuo cane appartenente ad una delle razze “pericolose”, leggi attentamente
il set informativo precontrattuale per capire se ci siano razze escluse dalla copertura assicurativa: normalmente sono chiaramente elencate.

Altro punto importante da verificare prima di passare ai massimali, esclusioni e scoperti/franchigie, è l’età a partire dalla quale o entro la quale, il tuo cane è assicurabile, quali documentazioni sono richieste (libretto sanitario, microchip) e quali sono le vaccinazioni obbligatorie affinché sia coperto, Assur O’Poil non richiede alcun certificato medico ai fini dell’iscrizione.

Se la “pericolosità” del cane viene determinata dal veterinario che la segnala all’ASL/USL di competenza e deriva da una condizione medica accertata, questo può essere motivo di esclusione. In generale, vale la pena soffermarsi sulle esclusioni ovvero su tutte quella casistiche in cui la polizza o una garanzia non operano.

 

⇒ Per fare un preventivo clicca QUI 

 

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Assicurazione per animali domestici

assicurazione cane e gatto

× VOGLIO ASSICURARLO ×