Febbre gatto: come capire se ha la febbre?

Febbre gatto: Come capire se il mio gatto ha la febbre?

Febbre gatto

Come capire se il mio gatto ha la febbre?


La febbre è spesso considerata una vera e propria malattia, sarebbe sufficiente rimanere qualche giorno a letto perché tutto ritorno alla normali nel giro di qualche giorno: sfatiamo questo mito!

La febbre è solo sintomo di una malattia. Permette quindi la diagnosi di quest’ultima e il trattamento sarà mirato alla cura della causa e non della febbre. La febbre può anche diminuire sino a scomparire, ma con ciò non avrete eliminato la causa.

Per potervi occupare della salute del vostro gatto, dovrete fare attenzione ai sintomi e far presente al vostro veterinario cosa vi preoccupa.

Identificare la febbre del gatto

Non ci sono soluzioni miracolose, non potete poggiare la mano sulla sua fronte e valutare la situazione e comunque il gatto non si è inventato una scusa per saltare la scuola!!!

Contrariamente ai luoghi comuni, il musetto secco e caldo non equivale necessariamente alla presenza di febbre. Il solo metodo affidabile è il termometro.

La temperatura corporea normale del gatto oscilla fra i 38°C e i 39,2°C, al di sopra di questi valori si può considerare che sia in uno stato febbrile. Anche se la febbre è naturale e aiuta a combattere una serie di malattie che affliggono l’organismo, quando è alta non bisogna assolutamente perdere tempo: consultate immediatamente il veterinario.

Altri indizi che aiutano a rilevare la febbre

Nonostante non siano precisi quanto un termometro, ci sono alcuni trucchetti per poter capire se il vostro gatto è malato. Il naso dei gatti è generalmente fresco e umido ed è segno di buona salute.

Quando sono malati il naso è secco e caldo, questo accade anche in caso di disidratazione. Ulteriore sintomo di disidratazione è la pelle secca: provate a tirare pelle e pelliccia del gatto, se non ritorna velocemente al posto, allora il vostro gatto non ha la febbre ma è disidratato. In quest’ultimo caso, portatelo urgentemente dal veterinario.

Quando il gatto sta bene, inserite il dito nella faccia interna dell’orecchio, sarà caldo, ma non caldissimo come nel caso di febbre. Prima di fare ciò, assicuratevi che non abbia fatto un pisolino in un angolo soleggiato della casa.

Come le orecchie, anche il dorso del gatto potrebbe essere più caldo del solito al tatto. In questo caso, assicuratevi che non abbia fatto un pisolino al sole o davanti al caminetto.

I gatti che hanno la febbre tendono a respirare velocemente e affannosamente. Come negli uomini, anche nei gatti i brividi di freddo segnalano la presenza di febbre.

Sintomi

Le cause delle febbre sono diverse, potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa. Diventa fondamentale osservare i sintomi che si manifestano nel vostro gatto. Le febbre permette al sistema immunitario di combattere la malattia nell’organismo. Ecco alcuni dei sintomi più frequenti:

     ♦ Perdita di appetito
     ♦ Depressione
     ♦ Debolezza e mancanza di energie
     ♦ Difficoltà di minzione e stitichezza
     ♦ Tremolio e/o respirazione veloce

Altri sintomi, più rari, possono manifestarsi: starnuti, vomito e diarrea.

Cause

La febbre è un sintomo come un altro ed è compito del veterinario capire di quale malattia di tratta. Dovrete misurare la temperatura diverse volte durante il giorno, per molti giorni. Un gatto potrebbe avere una temperatura corporea elevata senza tuttavia avere la febbre perché magari ha passato del tempo in un luogo caldo o soleggiato o è reduce da attività fisica. Se invece la temperatura rimane alta per 24 ore, si potrebbe trattare di febbre.

Le cause possono essere le seguenti:

     ♦ Infezione virale, batterica o fungina
     ♦ Tumori
     ♦ Traumi e ferite
     ♦ Effetti collaterali di alcuni farmaci.
     ♦ Malattie come il lupus

Cura

In realtà, ci sono solo due cose da fare in caso di febbre: tenere sotto controllo il gatto e portarlo dal veterinario. In nessun caso dovrete cercare rimedi fai-da-te perché non sapete di quale malattia si tratti e soprattutto, non date assolutamente farmaci previsti per gli esseri umani. Non siete a conoscenza degli effetti collaterali che l’assunzione di un farmaco può provocare, tenuto conto che sono farmaci ad uso esclusivo degli esseri umani.

Se il veterinario ritiene che la febbre del gatto sia benigna, deciderà probabilmente di non trattarla, la febbre è una naturale reazione del corpo ed è inutile imbottire il gatto di medicine se nel giro di qualche giorno tutto ritorna alla normalità.

Il veterinario verificherà il quadro clinico alla luce anche dei precedenti, compresi contatti con gli altri animali malati, allergie, vaccinazioni e malattie recenti. Il medico veterinario potrebbe prescrivere esami del sangue, analisi biochimiche e esami delle urine. Se le cause non dovessero essere ancora chiare, si dovrà ricorrere agli esami diagnostici come la risonanza magnetica e tomografia computerizzata per capire cosa succede all’interno. Il trattamento più frequente è a base di antibiotici, ma ciò dipende soprattutto dalla reale causa della febbre.

Controllo sul lungo termine

Come spiegato prima, non dovrete fare molto in caso di febbre: basta tenere sotto controllo il gatto ed individuare i sintomi. Alcune malattie sono facilmente riconoscibili: ascesso, sangue nelle feci, urine o muchi, starnuti frequenti, difficoltà respiratorie, il gatto potrebbe aver ingerito qualcosa di avariato. Tutti questi sintomi sono importanti e non dovete ignorarli.

Se individuate anche dei disturbi alimentari, non preoccupatevi troppo. Un gatto è in buona salute pur non mangiando per 48 ore. Non possiamo dire la stessa cosa per l’acqua, l’idratazione è essenziale soprattutto se il gatto ha episodi di vomito e diarrea.


[Voti: 0   Media: 0/5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *