Gatto Perde Unghie: Normale o Anomalo?

Gatto Perde Unghie: Normale o Anomalo?
Il mio gatto perde le unghie, è normale?

Il mio gatto perde le unghie, è normale?


Il mio gatto perde le unghie, è normale? Quando adottate un gatto, bisogna conoscere il ciclo di vita per non essere sorpresi quando vi trovate di fronte a dei cambiamenti nel suo corpo. È normale che perda il pelo? Che dorma così tanto? Che perda i suoi artigli? Sono tutte domande che hanno una risposta semplice, eppure è importante poter contare sulle vostre conoscenze per garantire al vostro animale le migliori condizioni di vita. Nel caso delle unghie, ci sono diverse possibilità, bisogna cominciare con il fare la differenza fra i casi di muta normale: per aiutarvi a comprendere meglio il vostro gatto ecco qualche curiosità riguardante le unghie!

Presenza di sangue?  

La prima cosa da capire è se l’unghia è intera o è caduta in seguito magari ad un infortunio come ad esempio un salto maldestro oppure una lite di strada con altri gatti. L’unghia potrebbe allora essersi rotta o potrebbe essere caduta completamente. Se trovate l’unghia sul vostro tappeto potreste aver bisogno dell’aiuto del veterinario, a partire dal momento in cui vi è la minima traccia di sangue, infezione o dolore, è fondamentale il parere del medico veterinario. 

 Il mio gatto perde le unghie: muta naturale?  

Tuttavia, la tesi dell’ infortunio è anche quella meno probabile fra tutte le possibili. Se trovate un solo artiglio potrebbe effettivamente trattarsi di un infortunio, ma spesso le unghie cadono a gruppetti, in questo caso si tratta di una caduta naturale, non vi sono tracce di sangue, si tratta soltanto di uno strato dell’artiglio che cade per lasciare posto a quello nuovo. Se trovate degli artigli intorno all’albero da gatto, si tratta evidentemente di una muta che è anche la ragione principale per la quale il gatto graffia e gratta il suo alberello ( e talvolta anche i mobili). L’unghia caduta è molto più piccola rispetto a quella che si trova sulla zampa del gatto. Può succedere che il padrone di un gattino si preoccupi nel non vedere ancora l’artiglio sulla zampetta, ma sappiate che le unghie si ritraggono e potrebbero essere difficili da vedere, l’unghia nuova è in genere più tagliente dopo la muta quindi attenzione alle vostre dita. 

Il mio gatto perde le unghie: malattia?  

La prima cosa che ci viene in mente è che il gatto abbia perso i suoi artigli a causa di una malattia, attualmente non sono note malattie feline che facciano perdere le unghie al gatto. Dovete sapere che gli artigli del gatto sono un po’ come le nostre unghie, le tagliamo per essere più a nostro agio e per non graffiarci di continuo, tanto sappiamo che ricresceranno poco dopo.

Le unghie del gatto hanno bisogno della muta per essere più taglienti e quindi utili per l’animale. In natura, il gatto passa il suo tempo a cacciare e degli artigli poco taglienti potrebbero significare un pasto in meno. Gli artigli servono anche ad arrampicarsi e a difendersi in caso di attacchi; la muta è un processo vitale per l’animale, siate contenti di trovare gli artigli caduti in giro per casa perché è segno di buona salute. 

Il mio gatto perde gli artigli: si tratta di muta? 

Si sa che gatto domestico cambia le sue unghie tra le 4 e le 6 volte all’anno, è normale quindi ritrovare in casa le unghie: il gatto ne possiede 18 in tutto! L’alberello da gatto diventa importante perché gli permette di grattare e graffiare accelerando così il processo di cambiamento. Il felino ama grattare superfici e questo gli permette di sgranchirsi le zampette, se notate che preferisce il tappeto potrete sempre tagliarglieli voi stessi anche se è preferibile che avvenga in maniera naturale. Il vostro intervento potrebbe rendersi necessario se il gatto è reticente nel grattare una qualsiasi superficie, se lasciate gli artigli crescere troppo, potrebbe diventare un problema di salute perché potrebbero incurvarsi in maniera drastica e compromettere i cuscinetti.  

Il consiglio principale che vi diamo: consultate sempre un veterinario se avete dubbi!

Messaggi correlati

Gatto Orientale

Gatto Orientale: Razza di gatto | Carattere, Salute, Origine Storia ed Origini È originario della Thailandia e fu importato in Gran Bretagna alla fine del XIX  secolo. Ha vissuto per moltissimi anni nell’ombra del parente Siamese, sino al momento in cui un’allevatrice britannica si occupò di lavorare sulle caratteristiche della razza la quale sorprende ancora per la… continua a leggere “Gatto Orientale”

Quarantena con il gatto e precauzioni

Quarantena con il gatto: Quali precauzioni prendere per il proprio gatto durante la quarantena? La comunità scientifica veterinaria sta affrontando la nuova pandemia e le conoscenze acquisite sinora potrebbero essere di sollievo per i proprietari di animali. Il COVID-19, come oramai sappiamo tristemente, è una malattia che può rivelarsi fatale per l’essere umano. Ma i… continua a leggere “Quarantena con il gatto e precauzioni”

Pulire Occhi Gatto: Istruzioni Efficaci

Come pulire bene gli occhi del mio gatto? Pulire occhi gatto: Una pulizia regolare fatta con delicatezza per prevenire diversi tipi di malattie La bellezza del gatto risiede non solo nel mantello, ma anche negli occhi. Che siano brillanti o scuri, una pulizia regolare evidenzierà lo sguardo profondo del vostro piccolo animale. L’occhio è un… continua a leggere “Pulire Occhi Gatto: Istruzioni Efficaci”

Perché anche la loro
salute è una priorità...
Assicurarlo a partire da 0,61€ al giorno !
Preventivo gratuito in 2 minuti
Una donna coccola il suo cane assicurato Assur O'Poil